AvviAnanunia: laboratorio di progettazione partecipata

Published by Valeria Chiodarelli on

Come affrontare i cambiamenti sociali ed economici in atto in un piccolo centro di media montagna? Il Comune di Ville d’Ananunia (Trento) ha deciso di sperimentare un percorso di progettazione partecipata per tracciare, grazie alle idee, agli spunti e al contributo dei suoi abitanti, un nuovo scenario di sviluppo per l’intera area. Una realtà con una forte connotazione agricola e con grandi risorse ambientali, che si sta scoprendo anche un’interessante meta turistica: come gestire questo cambiamento secondo un approccio orientato ad uno sviluppo sostenibile? Come farne un’occasione di riscoperta dell’identità locale e un’opportunità di lavoro per i più giovani?

Questi e molti altri interrogativi stanno animando un percorso che ha preso avvio a dicembre, con una serie di incontri tematici e momenti di coprogettazione aperti a tutti gli interessati. L’obiettivo è quello di sostenere un confronto tra punti di vista diversi (operatori del settore, privati cittadini, agricoltori, associazioni,…) per definire una cornice di riferimento che tracci delle linee guida di riferimento alle quali tendere. Il metodo scelto si basa sulla discussione interna a gruppi di lavoro, dove Eur&Ca svolge un ruolo di facilitazione del confronto, per proseguire con una restituzione dei principali temi emersi. Ad affiancare l’attività anche un questionario online per dare la possibilità a tutti i residenti di portare il proprio punto di vista.

Il percorso è solo all’inizio e nei prossimi mesi avremo i primi risultati: non tanto un punto di arrivo, quanto una base di partenza per il lavoro dei prossimi anni.


Valeria Chiodarelli

Processi di progettazione partecipata, partenariati ampi e progettazione integrata: questi gli ambiti di intervento prediletti, con una forte passione per tutto ciò che ha a che fare con politiche di sviluppo locale. Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, con un occhio alla dimensione europea nella programmazione e gestione dei fondi a gestione diretta e strutturali. Territorio, capitale umano, relazioni, idee: questi gli ingredienti con i quali si confronta per affiancare percorsi di sviluppo sostenibile, competitività e cambiamento, senza dimenticare le opportunità che possono derivare dai bandi e dai contributi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »