Aree interne: work in progress

Published by Valeria Chiodarelli on

Lago di Como

Sono già passati due anni dalla sigla dei primi Accordi di Programma Quadro. Molti gli interventi che hanno preso avvio in questo periodo, nell’ambito delle Strategie d’Area Alta Valtellina e Alto Lago di Como e Valli del Lario.

Nuovi itinerari per il cicloturismo, interventi per ridurre i consumi energetici in strutture pubbliche, azioni a supporto della conciliazione dei tempi lavoro-famiglia.

Processi articolati, che impegnano fortemente i territori. Nel fare ciò, ne evidenziano le molte risorse, ma anche alcune criticità alle quali dover far fronte, come la frammentazione e l’esigenza di sviluppare reti e filiere territoriali, per valorizzare al meglio le produzioni e le realtà identitarie.

Progetti e nuove opportunità che non riguardano solo la pubblica amministrazione: sono attesi a breve nuovi bandi di finanziamento, riservati alle aree interne della Lombardia, per le imprese turistiche e per lo start up di nuove attività. Un’occasione per sostenere questi territori e coloro che qui vivono, studiano e lavorano.

E’ con la volontà di fare sempre meglio, e imparare dalle esperienze dei diversi contesti, che domani saremo a Roma per partecipare alla presentazione della pubblicazione “La voce di Sindaci delle Aree Interne”, che si terrà nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile.


Valeria Chiodarelli

Processi di progettazione partecipata, partenariati ampi e progettazione integrata: questi gli ambiti di intervento prediletti, con una forte passione per tutto ciò che ha a che fare con politiche di sviluppo locale. Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, con un occhio alla dimensione europea nella programmazione e gestione dei fondi a gestione diretta e strutturali. Territorio, capitale umano, relazioni, idee: questi gli ingredienti con i quali si confronta per affiancare percorsi di sviluppo sostenibile, competitività e cambiamento, senza dimenticare le opportunità che possono derivare dai bandi e dai contributi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »