Lombardia: Piani Integrati per la Cultura

Published by Valeria Chiodarelli on

Regione Lombardia ha pubblicato il bando per la selezione di Piani Integrati per la Cultura: programmi per la valorizzazione del patrimonio culturale e artistico, materiale e immateriale. Un’iniziativa per sostenere il sistema della cultura che passa per imprese creative, performing arts, beni storici e artistici, ma anche industrie culturali e creative.

Possono partecipare al bando partenariati misti, pubblico – privati, che propongano una strategia di intervento da realizzare nel biennio 2020/2021.

I PIC posso essere:

  • Territoriali: ambiti contigui, che lavorano su un obiettivo comune di sviluppo culturale, economico e sociale;
  • Tematici: territori non contigui, che hanno un comune tema di promozione culturale.

Sono ammissibili attività di recupero dei beni, di realizzazione di iniziative, acquisto attrezzature e molto altro. La dotazione del bando è di 6.600.000 € , con un contributo massimo di 500.000 € per ogni PIC che sarà approvato.

Il termine per la presentazione delle proposte è il 31.10.2019: un arco di tempo necessario per elaborare proposte articolate, sostenibili e innovative.

Hai un’idea, una rete di partner o un’iniziativa che vorresti candidare su questo bando? Contattaci senza impegno, potremo valutare insieme la fattibilità. Eur&ca è in grado di accompagnarti nell’intera fase di sviluppo dell’idea e partecipazione a questo bando regionale.


Valeria Chiodarelli

Processi di progettazione partecipata, partenariati ampi e progettazione integrata: questi gli ambiti di intervento prediletti, con una forte passione per tutto ciò che ha a che fare con politiche di sviluppo locale. Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, con un occhio alla dimensione europea nella programmazione e gestione dei fondi a gestione diretta e strutturali. Territorio, capitale umano, relazioni, idee: questi gli ingredienti con i quali si confronta per affiancare percorsi di sviluppo sostenibile, competitività e cambiamento, senza dimenticare le opportunità che possono derivare dai bandi e dai contributi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »