Veneto: al via i Distretti del cibo

Published by Federica Sala on

Regione Veneto punta alla valorizzazione dei territori attraverso la creazione dei Distretti del Cibo, permettendo ai partenariati di accreditarsi. In cosa consiste questa procedura?

La domanda di riconoscimento deve essere presentata da un soggetto giuridico (GAL, Gruppi di Tutela, organizzazioni imprenditoriali) in partenariato con imprese, enti locali, fondazioni, …

Il Distretto del Cibo deve porsi quale strumento per valorizzare non solo i prodotti locali, ma soprattutto il territorio e le tradizioni presenti sull’area. Il Distretto infatti:

  1. promuove lo sviluppo territoriale;
  2. promuove la coesione e l’inclusione sociale;
  3. favorisce l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale;
  4. garantisce la sicurezza alimentare;
  5. diminuisce l’impatto ambientale delle produzioni;
  6. riduce lo spreco alimentare;
  7. salvaguarda il territorio e il paesaggio rurale attraverso le attività agricole e agroalimentari.

Si tratta di un’opportunità importante, in quanto il Distretto propone una strategia di sviluppo per gli anni successivi e un set di azioni e progetti da realizzare. Il vantaggio consiste nella possibilità di dotare il territorio di una strategia che possa un domani intercettare dei bandi di contributo.

Eur&ca ha supportato in Lombardia la nascita di diversi Distretti rurali e agricoli, pertanto possiamo fornire un supporto qualificato in questo importante processo. Non esitate a contattarci anche solo per alcuni approfondimenti sull’iniziativa.


Federica Sala

I progetti prendono forma grazie al suo talento. Nessuno conosce meglio di lei i bandi di finanziamento, sui quali lavora da anni con molte realtà del territorio: difficilmente la troverete ferma alla sua scrivania, perché la sua agenda è sempre ricca di appuntamenti per sviluppare nuove idee e portare in attuazione i progetti che, grazie al suo supporto, hanno già ricevuto contributi. Laureata in Scienze Politiche, sempre pronta a cogliere le opportunità della finanza agevolata, è in grado di affiancare tanto enti locali e soggetti pubblici, quanto realtà private e non profit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »