Il 30 settembre 2020 si è chiusa la candidatura dei progetti di sviluppo proposti dai Distretti del Commercio. Ma il nostro impegno non si è ancora concluso! In queste settimane, infatti, è in corso l’attività di supporto ai Comuni nella gestione del bando per le imprese. Si tratta di un processo partito nel mese di giugno con la pubblicazione di questionari rivolti alle imprese dei 14 distretti supportati da Eur&ca, che hanno messo in evidenza bisogni e proposte da parte del tessuto imprenditoriale e di momenti di confronto in loco e on-line.

Grazie a questa attività è stato possibile inserire nei bandi criteri e modalità in grado di andare realmente incontro alle esigenze delle imprese.

Siamo al lavoro per supportare gli uffici comunali nella verifica delle domande pervenute, e per la formulazione della graduatoria finale che dovrà essere trasmessa in Regione entro fine dicembre per poter mantenere la premialità acquisita. Ad oggi abbiamo visionato più di 200 richieste di contributo, e siamo solo ad un terzo dei distretti: la partecipazione da parte delle imprese è buona e guardando ai progetti da loro presentati è possibile percepire quanto siano interessate a migliorare i propri servizi in favore dell’utenza.

Ancora una volta siamo soddisfatti del lavoro in corso, e soprattutto del fatto che i negozi di vicinato stanno facendo molti sforzi per migliorare la propria offerta. Lo sviluppo locale parte anche dalle imprese: se il tessuto economico e commerciale è vivo, lo sono anche i paesi!


Federica Sala

I progetti prendono forma grazie al suo talento. Nessuno conosce meglio di lei i bandi di finanziamento, sui quali lavora da anni con molte realtà del territorio: difficilmente la troverete ferma alla sua scrivania, perché la sua agenda è sempre ricca di appuntamenti per sviluppare nuove idee e portare in attuazione i progetti che, grazie al suo supporto, hanno già ricevuto contributi. Laureata in Scienze Politiche, sempre pronta a cogliere le opportunità della finanza agevolata, è in grado di affiancare tanto enti locali e soggetti pubblici, quanto realtà private e non profit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »