Al via la cooperazione scientifica Italia – Portogallo, n. 35 del 20 settembre 2010

Published by Valeria Chiodarelli on

Edizioni: Informatore Pirola, IlSole24Ore

A cura di: Nicola Zerboni e Valeria Chiodarelli
Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è un Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese. Fonda il suo operato sul convincimento che l’attività di ricerca e sviluppo, determinante per la competitività del sistema economico nazionale, possa generare nuova occupazione, maggior benessere e maggiore coesione sociale. Il CNR ha fra le sue attività di natura internazionale più consolidate la stipula di Accordi Bilaterali di Cooperazione Scientifica e Tecnologica con Enti omologhi stranieri per il finanziamento congiunto di progetti comuni di ricerca (solitamente di durata biennale o triennale, realizzati da gruppi di ricerca italiani e stranieri); candidature individuali per scambio libero e seminari bilaterali. Gli Accordi prevedono, in generale, tutte le discipline tranne nei casi di competenze specifiche dell’Ente straniero. Il bando che stiamo per illustrare rientra proprio in quest’ottica e in particolare prevede di individuare i progetti che entreranno a far parte dell’Accordo di cooperazione tra Italia e Portogallo per il periodo 2001/2012 volti a dare vita ad un comune progetto di ricerca su diversi ambiti di intervento e che saranno successivamente finanziati. Il CNR d’Italia e la Giunta Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (JNICT) del Portogallo hanno firmato a Roma il 7 aprile e a Lisbona il 15 aprile 1987 un Accordo bilaterale di cooperazione con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo ed approfondimento della collaborazione scientifica, consolidando i legami in essere.

Obiettivi del bando 
Il bando ha l’obiettivo di favorire la ricerca congiunta tra Italia e Portogallo andando a realizzare quanto auspicato nell’Accordo bilaterale in essere. In particolare è volto ad individuare i nuovi progetti che entreranno a far parte della cooperazione per il periodo 2011/2012.

Beneficiari 
Possono presentare un progetto di cooperazione i seguenti soggetti:

• Direttori di Istituti • Dirigenti di ricerca • Ricercatori e Tecnologi del CNR • Personale in possesso di un provvedimento di associatura del CNR con scadenza minima al 31/12/2011

Intervento e spese ammissibili 
Il bando concede contributi per la realizzazione di progetti di cooperazione scientifica mediante:

  • Ricerche congiunte su problemi di interesse comune
  • Scambio di ricercatori
  • Riunioni di lavoro, seminari bilaterali su tematiche di mutuo interesse
  • Scambio di informazioni sulle attività di ricerca e sulla politica scientifica di entrambi i Paesi

I progetti di cooperazione possono riguardare diversi ambiti di interesse comune. I progetti candidati a bando devono essere completi e prevedere in dettaglio la descrizione delle ricerche previste, l’indicazione dei responsabili di progetto e i relativi CV dei partner, il programma di lavoro e la ripartizione dei compiti tra i partecipanti, il finanziamento previsto per la realizzazione del progetto e la durata del medesimo.

Sono ammissibili al bando solamente le spese derivanti dallo scambio dei ricercatori interessati:

  • spese di viaggio e di soggiorno
  • spese di ricerca (funzionamento e materiali di consumo) nel limite massimo del 25% delle spese di viaggio e soggiorno

Procedure 
Per partecipare al bando è necessario compilare l’apposita richiesta disponibile on line al seguente link http://www.cnr.it/sitocnr/IlCNR/Attivita/Attivitainternazionali/BandiAccordi.html (-> procedura per l’inserimento delle domande) . L’accesso al sito è consentito utilizzando l’account usato per la procedura SIPER (fornito da https://utenti.cnr.it).

Alla richiesta dovranno essere allegati i seguenti documenti, pena non ammissibilità della stessa: • Curriculum del responsabile Italiano, del responsabile straniero e dei collaboratori italiani e stranieri con riferimento agli ultimi 5 anni di attività (max 4 pagine) • Provvedimento di associatura ove il responsabile del progetto non sia un dipendente del CNR • Rapporto finale (solo nel caso di richiesta di rinnovo di un progetto in corso)   La domanda dovrà essere chiusa dal Responsabile del Progetto e valicata dal Direttore dell’Istituto capofila.

Contributo concesso
La partecipazione al bando permette di ottenere un contributo fino al 100% delle spese sostenute.

Informazioni 
Per avere maggiori informazioni sul bando è possibile collegarsi al sito: http://www.cnr.it oppure richiedere informazioni e chiarimenti a sig.ra Paola Porchianello e-mail: paola.porchianello@cnr.it


Valeria Chiodarelli

Processi di progettazione partecipata, partenariati ampi e progettazione integrata: questi gli ambiti di intervento prediletti, con una forte passione per tutto ciò che ha a che fare con politiche di sviluppo locale. Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, con un occhio alla dimensione europea nella programmazione e gestione dei fondi a gestione diretta e strutturali. Territorio, capitale umano, relazioni, idee: questi gli ingredienti con i quali si confronta per affiancare percorsi di sviluppo sostenibile, competitività e cambiamento, senza dimenticare le opportunità che possono derivare dai bandi e dai contributi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »