Emilia-Romagna: contributi per lo sviluppo locale del territorio

Published by Arianna Barindelli on

Sviluppo locale territorio Emilia-RomagnaSono attualmente aperte due importanti opportunità per gli enti pubblici e i privati non profit con sede nelle province di Bologna, Ravenna e Rimini.

I bandi, promossi da Fondazioni regionali, erogano un contributo a fondo perduto fino al 100% della spesa per la realizzazione di progetti di sviluppo economico e sociale del territorio e del suo capitale sociale e umano, con attenzione quindi anche all’ambito culturale. Alcuni esempi di progetti finanziabili possono essere:

  • Cultura (Editoria; Ricerche e studi; Manifestazioni, festival, eventi musicali; Associazionismo culturale; Iniziative culturali nelle scuole; Teatro; Danza, cinema; Musei, biblioteche). ATTENZIONE: non sono finanziabili mostre, convegni, seminari e altre iniziative analoghe;
  • Sociale (Crescita e formazione giovanile; Famiglia e valori connessi; Patologie e disturbi psichici e mentali; Assistenza anziani; Salute pubblica);
  • Territorio (progetti orientati alla promozione dei fattori formativi, culturali e infrastrutturali rilevanti per lo sviluppo economico complessivo del territorio e del suo capitale sociale).

Per l’area cultura la scadenza per presentare le candidature è il prossimo 1 ottobre mentre per il settore sviluppo locale non vi sono termini ma affrettatevi a contattarci per non perdere quest’interessante occasione di crescita per il vostro territorio!

Non esitate a contattarci per avere maggiori informazioni e in modo da riuscire ad impostare nel migliore dei modi tutto il percorso necessario per la stesura, la candidatura e la successiva gestione del vostro progetto.


Arianna Barindelli

La più giovane del team, ma non per questo meno determinata: precisa e organizzata, conosce il mondo della finanza agevolata, ed è in grado di accompagnare le imprese di diversi settori interessate a partecipare ai bandi di contributo. Un’esperienza interdisciplinare alle spalle, con un Master sui temi della cooperazione internazionale, e un’attenzione a cogliere le esigenze progettuali per tradurle in opportunità di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »